Su coccoi: il pane a pasta dura sardo

Immancabile nelle feste comandate e nei matrimoni, il pane di pasta dura sardo o “coccoi” è un pane dalla crosta dorata e croccante e dalla mollica soffice ma compatta, con un’alveolatura fitta e minuta e un gusto inconfondibile. Anche nella sua forma più semplice e quotidiana è inconfondibile e divertente, con le sue punte croccanti da strappare una dopo l'altra.

Di cosa parliamo:

Pasta dura: ingredienti
Pasta dura: strumenti e lavorazione
Pasta dura: storia
Pasta dura: forme
Pasta dura: conservazione
Pasta dura: ricetta
 

Pasta dura: ingredienti

Il pane di pasta dura deve il suo nome all'impasto poco idratato da cui nasce, molto difficile da lavorare. Contiene infatti pochissima acqua in rapporto alla farina, circa il 50% in peso.

Questo tipo di pane è diffuso in tutta Italia:
• al Nord, dove si prepara con farina di grano tenero
• nel Centro-Sud, dove si prepara con semola di grano duro

In Sardegna la tradizione vuole che per questo tipico pane si usino solo semola rimacinata di grano duro e lievito madreframmentu, poca acqua e un po' di sale. Un pane bianco quindi, per questo considerato un prodotto di pregio. Un tempo privilegio di pochi, per tutti gli altri disponibile solo nei giorni di festa.

Tutt’oggi la base del coccoi è fatta con farine di grano duro selezionatissime, inserite nell’elenco del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (PAT), unite ad acqua, sale marino sardo e lievito madre.

Torna su

su-coccoi-pasta-dura

La mollica del pane a pasta dura: bianca e compatta.
 

Pasta dura: strumenti e lavorazione

Per ottenere la consistenza tipica del pane a pasta dura, l’impasto viene lavorato a lungo, fino a che non diventa bianco e liscio, ma non troppo elastico.

Dopodichè si passa alla decorazione delle forme, un procedimento molto complesso eseguito con l’uso esclusivo di 3 attrezzi:

• Sa serretta , una rotella dentata per realizzare i tipici “corni” lungo il perimetro

• S’arrasoyedda, un coltellino  per intagliare la parte superiore, chiamato anche corteddu de pesai (coltello per far crescere o gonfiare)

• Piccole forbici, per fare ulteriori tagli sulle "punte"

Il risultato ottenuto dalle mani più esperte è una vera e propria scultura di pane.

Torna su
 

pane-a-pasta-dura

Particolare di lavorazione a punte de su coccoi
 

Pasta dura: storia

Nei tempi antichi la preparazione del pane a pasta dura vedeva protagoniste le donne e il tradizionale forno a legna a cupola, presente in quasi tutte le case.

Alla panificazione partecipavano non solo le donne di casa ma anche quelle del vicinato, che spesso venivano remunerate in pane. Ognuna aveva un compito ben preciso: chi impastava, chi  decorava e chi infornava.

La lavorazione, molto lunga e laboriosa, iniziava di solito all’alba per poi terminare la sera con la cottura.

Secondo la leggenda furono le fate che che vivevano nelle grotte, le famose janas, ad attrarre una donna per introdurla all’arte della panificazione, lasciandole in eredità su frammentu.

Torna su
 

Pane a pasta dura in mostra al Museo del Pane Rituale. Fonte: Wikimedia Commons
 

Pasta dura: forme

Tutt’oggi, nella lavorazione quotidiana le forme sono più semplici mentre durante le feste esplodono ricami che trasformano questi pani in dei veri e propri pizzi.

Così nel periodo di Pasqua avremo su coccoi cun s’ou, una coroncina di pane a pasta dura che circonda un uovo sodo. Simbolo della resurrezione di Cristo, in passato questo pane veniva regalato ai bambini, sostituendo il tradizionale uovo di Pasqua.

Ad oggi rimane la tradizione di preparare questo particolare pane a pasta dura da utilizzare magari come segnaposto durante il pranzo.

Durante matrimoni o feste di fidanzamento il pane assume invece la forma di un bouquet fiorito o di un cuore con ricamati al di sopra fiori, uccellini e frutta, simbolo di prosperità e buon augurio.

La ritualità del pane è talmente importante e radicata nell’isola da aver portato alla creazione nel paese di Borore di un “Museo del Pane Rituale” che dal 2006 espone più di 300 tipi di pane e dolci tradizionali, tra i quali appunto “su coccoi” in tutte le sue forme.

Torna su
 

Su coccoi cun s'ou. Fonte: Vera in Cucina
 

Pasta dura: conservazione

Essendo una preparazione a bassa percentuale di idratazione, il pane a pasta dura si presta a una conservazione maggiore rispetto agli altri tipi di pane.

L’unica accortezza è quella di avvolgerlo in un canovaccio o di riporlo in una busta di carta. In questo modo si conserverà anche per 3 giorni.

Torna su
 

Pasta dura: ricetta

La preparazione de su coccoi è un processo lungo, soprattutto se svolto interamente a mano, essendo un impasto poco idratato e quindi di difficile lavorazione.
 

Ingredienti:

Semola: 1 kg
Lievito madre: 30 g
Sale: 20 g
Acqua: qb

Impastare la semola con il lievito madre stemperato in poca acqua tiepida. Lavorare a lungo aggiungendo di tanto in tanto acqua tiepida leggermente salata, fino a ottenere un impasto liscio e consistente.

Coprire l'impasto e farlo lievitare per un'ora circa.

Procedere poi alla formazione dei pani e alla decorazione manuale. La pasta cosi decorata dovrà lievitare su dei teli di cotone per altre due ore.

Procedere poi alla cottura, preferibilmente in forno a legna o in alternativa a 200-220° per 40 minuti.


 

20 August 2018 in Prodotti tipici, Ricette

Condividi

torna all'elenco articoli

Condividi


Tag


Ultimi post

  • Il pecorino sardo

    Posted in Prodotti tipici on Feb 11, 2019

    Il pecorino sardo è il formaggio più tipico della Sardegna, ma anche il formaggio di pecora più diffuso in Italia, insieme al pecorino romano, che è anch'esso un pecorino sardo. Parliamone!

  • I prodotti tipici sardi, quasi 200!

    Posted in Prodotti tipici on Feb 07, 2019

    I prodotti tipici sardi ufficialmente riconosciuti sono quasi 200, 198 per la precisione! Si preparano con le stesse modalità, artigianali ed ecosostenibili, da almeno 25 anni. Ma soprattutto fanno parte della cultura materiale dei luoghi d’origine. Li rappresentano. E contribuiscono a crearne il paesaggio.

  • Uova a colazione: perché e come mangiarle

    Posted in Alimentazione on Jan 30, 2019

    Le uova sono un alimento molto nutriente e la colazione è uno dei momenti migliori per mangiarle. Ma spesso non sappiamo come cucinarle, ci dà fastidio il solo pensiero di averle in tavola la mattina presto e soprattutto ci chiediamo: perché dovrei mangiare uova a colazione??