Formaggio con i vermi: il casu marzu e i suoi fratelli

Quand’eravamo piccole ci raccontavano che nel casu marzu i vermi nascevano nel formaggio e mangiavano formaggio, quindi praticamente erano di formaggio. Non c’era motivo di farsi impressionare e non mangiarli, insomma.

Crescendo ho scoperto che chi mi raccontava questa storia la credeva vera. Ma non lo è, per quanto suoni bene!

Qui parliamo di cosa succede davvero al formaggio con i vermi, della presunta pericolosità e accertata illegalità e di quanto sia diffuso in diverse regioni italiane e europee.

Una cosa alla volta:

Il Formaggio con i vermi sardo
Come si fa il formaggio con i vermi in Sardegna?
Il casu marzu è illegale?

Il casu marzu è pericoloso?
Il formaggio con i vermi in Italia
Il formaggio con i vermi in Europa

Infine, se anche a voi hanno raccontato dei vermi di formaggio o conoscete altre storie sul formaggio con le larve, vi aspettiamo nei commenti!
 

Il Formaggio con i vermi sardo

Il formaggio sardo con i vermi, conosciuto come casu martzu o casu frazigu, è un particolare tipo di pecorino cremoso, dal gusto forte, pungente e leggermente piccante, ottenuto grazie alla contaminazione delle forme da parte della mosca casearia. In rari casi può essere anche vaccino o misto di capra e pecora.

La sua cremosità non è data dalla stagionatura, ma dall'azione delle larve della mosca che vivono dentro il formaggio finché non arriva il momento di trasformarsi in veri e propri insetti.

Il casu marzu si produce in tutta l’Isola col latte di Pecora Sarda e come ogni prodotto sardo che si rispetti ha una miriade di nomi, a seconda della zona di produzione.
 

Abbiamo quindi:
casu mratzu, casu marciu, casu modde, casu becciu, casu fatitu, casu giampagadu, casu ‘attu, casu cunditu, hasu muhidu.


In Sardegna chi non lo odia lo adora e quando inizia a mangiarlo non riesce più a fermarsi!
Lo mangiano tutti, anche bambini e anziani, e pare che alcuni abbiano proprio una predilezione per i vermi, che avrebbero un gusto diverso dal resto del formaggio.

Da quando è stato protagonista di uno spazio nel programma The F Word dello chef  britannico Gordon Ramsay ed è finito sul Guinness dei Primati, il casu marzu è diventato famoso a livello internazionale e in Sardegna sbarcano viaggiatori stranieri disposti a tutto per assaggiarlo.

Ma come si riesce ad ottenere questo formaggio?

Torna all'indice
 

casu-marzu-tavola-cestino-sardo

Casu marzu con salsiccia sarda e cestino tradizionale sullo sfondo. Foto: Freek Janssens via Wikimedia Commons
 

Come si fa il formaggio con i vermi in Sardegna?

Il formaggio con i vermi si ottiene grazie alla temutissima mosca del formaggio, chiamata anche mosca casearia (piophila casei), che punge le forme di pecorino appositamente lasciate in locali aperti per depositare le uova. Dopo la schiusa, le larve trasformano con i loro enzimi la pasta del formaggio, rendendola una sorta di morbida crema.

La piophila casei è una piccola mosca che può contaminare anche altri tipi di alimenti, come i salumi, ma con risultati graditi solo nel caso dei formaggi. La produzione del casu marzu avviene nei mesi più caldi che sono quelli in cui la mosca vive e si riproduce: in genere nel periodo primaverile ed estivo, ma a volte anche in autunno.

Per attirare l’insetto vengono utilizzati diversi accorgimenti:

•  si riducono i tempi di salamoia, perché meno sale favorisce la vita delle larve.
•  A volte si fanno dei piccoli buchi poi riempiti d'olio, per ammorbidire la crosta e rendere più semplice l’azione della mosca.
•  Infine si posizionano le forme in locali aerati, lasciando aperte finestre con protezioni che impediscano il passaggio della mosca comune ma non quello della piophila casei, più piccola. 
 

casu-marzu-illegale

Formaggio con i vermi sardo. Foto: Shardan via Wikimedia Commons
 

Se si è fortunati, la mosca arriva e deposita le larve in qualche forma. Difficilmente in tutte. 

Una volta punte, le forme vengono lasciate maturare per un periodo compreso tra i 3 e i 6 mesi. Quando il formaggio è maturo lo si scoperchia tagliando via la parte superiore della crosta.

A un certo punto del loro ciclo vitale le larve saranno diventate insetti e voleranno via. Quello è il momento migliore per mangiarlo nel caso siate facilmente impressionabili. Lo stomaco forte vi servirà comunque: per digerirlo! 

Ma davvero è illegale??

Torna all'indice
 

Il casu marzu è illegale?

Per via del suo particolarissimo metodo di produzione, la commercializzazione del casu fratzigu è vietata dall’Unione Europea, ma anche dalla normativa italiana, che con la legge 283/62 vieta la commercializzazione di qualsiasi alimento "invaso da parassiti, in stato di alterazione”

Per proteggere questo particolare e iconico prodotto la Regione Sardegna si è attivata per il suo inserimento tra i prodotti agroalimentari tradizionali italiani (PAT). Questo riconoscimento attesta che la produzione di questo formaggio avviene da oltre 25 anni e ha quindi diritto ad una deroga sulle normative igienico-sanitarie che regolamentano le produzioni agroalimentari.

Quindi in sostanza si può produrre, ma restano comunque vietate la vendita e la somministrazione nei locali pubblici. E questo mentre in Corsica lo stesso prodotto - il casgiu merzu - si può liberamente degustare negli agriturismi.
 

casu-marzu-pericoloso

Formaggio con i vermi sardo. Foto: Shardan via Wikimedia Commons
 

Nel 2005 un comitato di imprese, produttori ed enti pubblici della Sardegna, in collaborazione con la Facoltà di Veterinaria di Sassari, ha incaricato l’Istituto di Entomologia Agraria di Sassari di studiare un metodo di produzione del formaggio "marcio" con standard igienico-sanitari accettabili, in modo da poterne richiedere la legalizzazione. Per questo si è realizzato un caseificio sperimentale in cui la Piophila Casei potesse operare in ambiente controllato. Purtroppo i risultati dell'esperimento non sono stati ottimali e il progetto si è arenato.

Ma secondo il biologo e esperto di sicurezza alimentare Luciano Oscar Atzori, la legalizzazione della vendita di insetti a scopo alimentare potrebbe aprire nuovi spiragli anche per la legalizzazione del formaggio coi vermi.

Però è pericoloso. Oppure no?

Torna all'indice
 

Il casu marzu è pericoloso?

Sul web circolano voci sulla pericolosità del casu fratzigu: si dice che le larve che contiene, se ingerite vive, potrebbero danneggiare lo stomaco e l'apparato digerente. 

Nel 2009 il formaggio con i vermi sardo è addirittura finito sul Guinness dei Primati come "formaggio più pericoloso al mondo" e da allora è stato tutto un fiorire di articoli web su fantomatici rischi di morte legati al consumo del casu frazigu.


La realtà è che non esistono testimonianze di casi simili e a memoria d'uomo non risulta che nessuno abbia mai subito danni in seguito all'ingerimento di questo alimento. Al massimo ci si ricorda di qualche problemino a digerirlo perché, diciamocelo, non è affatto un alimento light!

Per di più ci si ritrova spesso a mangiarlo verso la fine di pranzi luculliani, perché è usanza condividerlo con amici e parenti durante i cosidetti spuntini (leggi: grandi mangiate in contesti rustici).

Evidentemente le larve fortuitamente sopravvissute alla masticazione muiono a causa dei succhi gastrici. Si tratta in ogni caso di un cibo molto grasso e per di più piccante, da mangiare in piccole quantità.

Ma non farti scoraggiare!

Se vuoi un consiglio: mangiane poco alla volta, ma non privartene. 
Se ti preoccupano i possibili - ma improbabili - effetti collaterali, procurati una forma in cui le larve siano già volate via. Bruchi diventati farfalle ...ehm... mosche.

Forse non lo sai ma la Sardegna non è l'unica regione italiana in cui si producono formaggi simili...

Torna all'indice
 

formaggio-vermi

Formaggio con i vermi sardo. Foto: Shardan via Wikimedia Commons
 

Il formaggio con i vermi in Italia

Il formaggio con i vermi non è una prerogativa sarda: anche in altre parti del mondo esistono prodotti caseari simili.

Ma anche in Italia troviamo varie declinazioni regionali del formaggio coi vermi.

Al Sud:
 

In Puglia
viene chiamato casu puntu nel Salento e frmag punt a Bari, formaggio punto insomma.

Mentre in Calabria:
è conosciuto come casu du quagghiu.

In Molise:
caiciè punt.

In Basilicata:
è chiamato cas cu i vierm.

Invece in Abruzzo:
è conosciuto come marcetto o cace fraceche.


Ma anche al Nord esistono formaggi oggetto delle attenzioni della mosca casearia:
 

In Emilia Romagna:
si chiama furmai nis.

Invece in Piemonte:
bross ch’a marcia.

In Friuli
salterello.

E in Liguria:
gorgonzola co-i grilli
.


E nel resto d'Europa?

Torna all'indice
 

Il formaggio con i vermi in Europa

Anche in Corsica, vicinissima alla Sardegna, esiste un formaggio con i vermi che si chiama casgiu merzu.

Oltrepassando le Alpi invece troviamo formaggi modificati non da larve ma da acari: in Germania il milbenkase e in Francia la mimolette.

Torna all'indice


 

28 November 2018 in Prodotti tipici

Condividi

torna all'elenco articoli

Condividi


Tag


Ultimi post

  • Umami: scopri il quinto gusto! È anche italiano.

    Posted in Alimentazione on Dec 07, 2018

    La chiave del successo della cucina giapponese? L'umami! Un gusto che esiste anche nella cucina italiana: se impari ad usarlo potrai mangiare saporito anche usando poco (o niente) sale.  Scopri cos'è l'umami e perché ti fa bene!

  • Zeppole sarde o Zippulas (con Ricetta)

    Posted in Prodotti tipici, Ricette on Dec 04, 2018

    In Sardegna si preparano tanti dolci di Carnevale diversi a seconda delle zone, ma le zeppole sarde mettono davvero d'accordo tutti, dal Capo di Sopra al Capo di Sotto. Le zippulas sono soffici frittelle modellate sia in ciambelle irregolari che in lunghe spirali. Sono le frittelle lunghe, deliziosi serpenti che sanno d'arancia, zafferano e acquavite.

  • Pecore sarde: la razza e l'allevamento ieri e oggi

    Posted in Economia Locale, Prodotti tipici on Nov 30, 2018

    Sapevate che le pecore della Sardegna sono tra le più antiche di tutto il continente europeo? La pecora sarda è una vera e propria razza, autoctona della Sardegna, probabilmente discendente dal muflone. Oggi è la razza più presente in Italia